Dicono di PitstopAdvisor: Ottobre 2013, Auto Professional

In rete per fare sistema. E’ partito il progetto Confartigianato Motori Sistema per rendere gli autoriparatori protagonisti attivi dell’evoluzione del settore e integrati in una rete di partner selezionati. Quando lo scorso fine maggio, Confartigianato Motori, seguendo una tradizione che la vede impegnata nel presenziare a importanti eventi e fiere del settore, è arrivata alla 25° Biennale internazionale delle attrezzature e dell’aftermarket automobilistico, l’Autopromotec di Bologna, l’organizzazione nata in seno a Confartigianato Imprese di Milano e Monza Brianza sapeva di essere al posto giusto al momento giusto per presentare un progetto ambizioso che, sfruttando le potenzialità del fare rete per creare sistema, intende favorire l’attività professionale delle tante aziende di autoriparazione associate a Confartigianato Autoriparazione (oltre 30.000 in tutta Italia).
Il Progetto Confartigianato Motori Sistema, questo il nome dell’iniziativa, è ambizioso. “Eravamo presenti ad Autopromotec per presentare un progetto innovativo che mira a rendere glia autoriparatori protagonisti attivi dell’evoluzione del settore e integrati un una rete di partner selezionati – spiega Antonio Mariani, Responsabile di Confartigianato Motori -. Ora siamo partiti con la costituzione di una rete che ha l’obiettivo di fornire ai tanti autoriparatori associati, grazie ai nostri qualificati partner, prodotti e servizi all’avanguardia a costi più contenuti, sfruttando la grande sinergia generata dal sistema”.
La lista dei partner è lunga e destinata ad allungarsi nel futuro. Sono già parte attivi del progetto nomi importanti del settore, tra cui Dekra, Mobil, Hella, Henkel e il portale Cercaricambi.it. Una delle maggiori novità insite nel Progetto Confartigianato Motori Sistema è la possibilità di usufruire di un sistema di e-commerce creato in collaborazione con gli stessi aderenti.
La filosofia di base è che tutti i soggetti de sistema, autoriparatore compreso, siano sullo stesso piano e siano chiamati in egual misura a interagire per far funzionare l’intero meccanismo. I prodotti vengono anche venduti in modo tradizionale, con il contatto diretto. Questo anche perché Confartigianato Motori non stravolge in alcun modo ma utilizza pienamente la normale rete distributiva dei prodotti dei partner del progetto. Ovviamente gli aderenti all’iniziativa potranno usufruire di condizioni vantaggiose sull’acquisto di prodotti che altrimenti non verrebbero erogati. La marcia in più del potere avere un sito di riferimento per accedere a prodotti e servizi è il poter usufruire della comodità di avere sott’occhio e a portato di un click un vastissimo contenitore di tutto ciò che serve a una moderna officina per svolgere al meglio il suo lavoro. Quindi tutti i prodotti necessari al fabbisogno dell’autoriparatore, i servizi solitamente forniti da Confartigianato a supporto dell’autoriparatore e del suo lavoro e quelli specifici su formazione e aggiornamento professionale, attività svolta in collaborazione con le aziende partner.
“Il sistema – continua Mariani – offre anche una novità non trascurabile, ovvero due strumenti che svolgono il ruolo di avamposto tecnologico della rete: “ PitstopAdvisor” e “Autodiagnostic”. Sono due social network dedicati al settore che dimostrano come la rete possa funzionare da stimolo per lo sviluppo meritocratico del lavoro delle officine e sia utile strumento per la diffusione ad ampio raggio delle informazioni tecniche e delle iniziative più importanti per la categoria”.
Su PitstopAdvisor è possibile trovare tutte le recensioni di officine moto e auto. Un utile strumento per confrontare servizi, risparmiare e condividere la propria esperienza di utente motociclista o automobilista.
Autodiagnostic è una vera e propria community di autoriparatori dove è possibile accedere a informazioni e news tecniche, dati, forum di scambio e confronto. Un portale realizzato e frequentato dai professionisti del settore. Confartigianato Autoriparazione fornirà il supporto di rappresentanza degli interessi della categoria in materia di normative, proposte di legge, opportunità di formazione e aggiornamento professionale. Il progetto si completa poi con il Centro Studi Confartigianato Motori che si occuperà di indagini settoriali finalizzate.
“Questo progetto è per noi molto importante – afferma Antonio Mariani – mancava qualcosa in Confartigianato per legare le aziende di settore e farne dei protagonisti attivi della loro attività. Ora questo strumento c’è. Vogliamo fare sistema, creare una rete che agevoli il lavoro e la vita della azienda di autoriparazione che vorranno aderire. E contiamo di intercettare buona parte delle 30.000 aziende associate a Confartigianato. Oggi il problema più difficile da affrontare in un momento di crisi che ha colpito anche il nostro settore è la mancanza di liquidità. Con meno soldi si fanno meno riparazioni e quindi c’è meno lavoro in officina. Questo a scapito della sicurezza della collettività.
Noi con questa operazione vogliamo far si che le officine restino comunque aperte, che non chiudano. Anche se hanno meno lavoro, almeno possono sopravvivere riducendo i costi”. La battaglia per salvaguardare il lavoro di tanti autoriparatori italiani è dunque iniziata e vede Confartigianato Motori impegnata in prima linea: “Stiamo cercando di coinvolgere anche gli organi di informazione per far sentire la nostra voce e la voce dei cittadini automobilisti – conclude Antonio Mariani – Per questo autunno stiamo mettendo in piedi un’iniziativa pubblica per sensibilizzare l’opinione pubblica e le istituzioni sulle problematiche in atto e le possibili soluzioni per superarle”.

image
pdf
pdf
AUTO PROFESSIONAL ottobre 2013.pdf
3M

Commenti

Sign In or Register to comment.

Benvenuto!

Sembra tu sia nuovo qui. Se vuoi partecipare, clicca uno dei seguenti pulsanti!

Categorie

I piĂą attivi