Freni dello scooter o dell' auto che fischiano

Talvolta i freni dello scooter o del motorino fischiano in modo fastidioso; ma sapete perchè i freni dello scooter fischiano e cosa bisogna fare se i freni del vostro motorino emettono questo suono? Ve lo spiego io rapidamente:
prima di procedere alla sostituzione un cosiddetto “spray antifischio” (che può essere contenuto in una bomboletta od in un semplice tubetto, da stendere tramite pennello). Consiste nell’applicare sul lato metallico della pastiglia:
uno strato di vernice gommosa che impedisce la vibrazione. Questo risulta essere un ottimo rimedio, ma presenta la controindicazione di una continua applicazione circa ogni 2000 km.

Un ulteriore metodo risolutivo, utilizzato dai produttori di pastiglie frenanti, riguarda l’inserimento tra la parte metallica ed il materiale d’attrito di uno strato sottilissimo (circa 1 mm) di una una varietà di catrame resistente alle alte temperature d’esercizio ed alle elevate pressioni di frenata, senza conferire “gommosità” al comando del freno.
Ma questo risulta essere un metodo applicabile solo alle pastiglie auto, siccome sulle moto lo spazio disponibile all’interno della pinza è fin troppo ridotto. Dovrebbero essere le stesse case motociclistiche a riprogettare il sistema frenante per consentirne l’utilizzo.


Nella maggior parte dei casi in cui si riscontra l’insorgere del fischio, le cause sono imputabili ai fenomeni precedentemente descritti, ma non sempre sono gli unici...

A volte può verificarsi la cosiddetta Vetrificazione della superfice della pastiglia, causata dall’uso troppo severo dei freni (soprattutto in pista) che ne ha innalzato la temperatura ed alterato le caratteristiche superficiali. Per ovviare al problema si deve smontare la pinza dal proprio alloggiamento e ripulire il materiale d’attrito con della carta vetro, in modo da far sparire totalmente la vetrizzazione superficiale. Nel mentre si potrebbero anche smussare un po’ gli angoli, così che la pastiglia non incorra troppo nei fenomeni di vibrazione sopra descritti. A questo punto bisogna lavare la pastiglia con del petrolio bianco, per eliminare ogni residuo polveroso e risistemare la pastiglia al suo posto.

E’ importante ricordarsi di frenare “coscienziosamente” nei primi 100 km in modo da far si che la pastiglia riprenda la forma della superficie del disco e torni a frenare ottimamente.

Infine la causa potrebbe essere la presenza di sporco tra il disco e la pastiglia (risolvibile con una semplice lavata e soffiata) oppure l’effetto “scalino” causato da un errato consumo del disco freno.
In questo caso le soluzioni sono due:
Sostituire integralmente i dischi freni
Tentare di rettificare quelli originali, ma decisamente sconsigliabile, a causa del giĂ  limitato spessore degli stessi
Un ultimo consiglio riguarda la sostituzione delle pastiglie originali, con prodotti aftermarket: mai risparmiare sui materiali facenti parte integrante del sistema di sicurezza attiva del vostro mezzo!
Pastiglie a prezzi di “saldo” e di marche sconosciute sono vivamente sconsigliate. L’eventuale cattiva produzione può inficiare severamente sul rendimento, con conseguente rischio per la propria incolumità.

Controllate sempre il livello del liquido (approfondimenti: precauzioni per il rabbocco - come effettuare la sostituzione) ed il consumo dei vostri freni (per evitare il ferro-contro-ferro tra disco e pastiglia consumata) e se non siete in grado di provvedere autonomamente alla manutenzione, rivolgetevi sempre e comunque a meccanici specializzati.
Ecco spero di avervi aiutato in caso che i vostri freni fischiano
Sign In or Register to comment.

Benvenuto!

Sembra tu sia nuovo qui. Se vuoi partecipare, clicca uno dei seguenti pulsanti!

Categorie

I piĂą attivi