Auto a noleggio: guida all’acquisto dei 6 modelli in prova – Test Drive [Speciale]

Auto a noleggio – Guida all’acquisto – CITROEN SPACETOURER

Quelli che una volta erano solo mezzi da lavoro oggi entrano a far parte delle vetture multispazio aprendo un mare di infinite soluzioni e comodità per ogni tipo di utilizzo. Citroen SpaceTourer si fa portavoce di questi cambiamenti interpretando una vettura che al vasto spazio abbina comfort, tecnologia e risparmio. Di tutti questi vantaggi se ne è accorta tanto la clientela privata quanto quella legata alle aziende.

Nonostante il volume imponente, in realtà la lunghezza di SpaceTourer rientra nei canoni di una grande berlina. Ma con vantaggi enormi legati allo spazio e alla versatilità di utilizzo. Per di più la multispazio francese è disponibile in tre lunghezze (530 cm, 496 cm e 460 cm). Per lo Speciale Flotte è stata utilizzata la versione intermedia, da sette posti, ma se ne possono anche cinque o nove.

Il design di SpaceTourer è piacevole e moderno ma nell’analisi si è preferito concentrarsi sui sistemi elettronici legati all’assistenza alla guida che rispondono alle esigenze di una flotta moderna.

Si tratta di sistemi in grado di adattare automaticamente la velocità a quella dell’auto che precede e di ridurre in autonomia la velocità fino a 20 km/h agendo esclusivamente sull’acceleratore. Ma anche di avvisare se un veicolo si trova nell’angolo cieco, di ricordare i limiti di velocità.

Inoltre l’Active Safety Brake frena al posto di un conducente distratto sotto i 30 km/h evitando collisioni con ostacoli mobili, fissi oppure pedoni. E c’è un allestimento pensato per i professionisti del trasporto di persone. La versione Business Lounge offre una configurazione a quattro poltrone indipendenti posteriori. La versatilità dei sedili permette di ottenere qualsiasi tipo di configurazione compresa la seduta “vis à vis”, con la quale si possono svolgere in viaggio anche riunioni di lavoro. Una chicca sono le porte scorrevoli che si aprono passando il piede sotto l’angolo del paraurti posteriore quando si hanno le mani occupate.

Privacy e comfort sono garantite dall’elevato grado di insonorizzazione e dall’ampia vetratura oscurata. Per salire in vettura bisogna affrontare un dislivello non proprio comodissimo ma viene in aiuto una pedana ampia e ben posizionata. Alla guida è facile abituarsi a gestire gli ingombri inusuali e ci si dimentica di essere al volante di un minivan a tutti gli effetti.

Il motore che spinge il veicolo della prova Speciale Flotte è il 2.0 Blue Hdi da 150 cv, che consente una marcia agile e sicura nonostante una massa di 1.655 kg circa. Anche il retrotreno, malgrado un passo di 328 cm, rimane incollato alla strada.

Troppo facile affermare che SpaceTourer è un’auto che soddisfa le esigenze di numerosi fleet manager per la sua versatilità di impiego. Come se non bastasse, ulteriori convincimenti arrivano da altre due riflessioni. La prima riguarda i consumi, anche 13 km con un litro di gasolio, sorprendenti per un’auto di queste dimensioni; la seconda la possibilità di poter contare su una motorizzazione diesel da 95 cv che rende SpaceTourer idonea anche ai neo patentati.

La Citroen SpaceTourer della prova, sette posti, motore 2.0 da 150 cavalli, allestimento Feel, costa di listino 36.900 euro. (m.font.) … << CONTINUA A LEGGERE >>