Auto a noleggio: guida all’acquisto dei 6 modelli in prova – Test Drive [Speciale]

Auto a noleggio – Guida all’acquisto – KIA OPTIMA SPORTSWAGON

Questa è una bella, imponente station wagon. Una Kia che si fa notare. Il pregio maggiore di Optima Sportswagon, però, sta nel fatto che le forme sportiveggianti ma rigorose e senza inutili fronzoli, dissimulano le abbondanti dimensioni della carrozzeria. 487 centimetri di lunghezza, 186 di larghezza con gli specchietti esterni ripiegati.

Rappresenta la scelta perfetta da parte dei fleet manager da destinare ai dipendenti più strategici per l’azienda. Quelli che valgono un piccolo sacrificio economico. Specialmente se la scelta cade sulla Optima Sportswagon ibrida ricaricabile, che apre le porte del centro di Milano senza pagare il ticket e fa sentire chi la guida un paladino della mobilità sostenibile.

Il baule, a causa dell’anima green di questa vettura che emette solo 33 grammi di CO2 per chilometro, secondo i dati della casa coreana, è limitato dalle batterie. Ma mantiene una buona capacità di carico, 440 litri rispetto ai 552 delle versioni con motori a combustione. Senza contare i pratici vani portaoggetti sotto il pianale e diverse soluzioni per il viaggio, che vanno da una presa a 12V alla quale collegare un frigorifero a una lampada amovibile per momenti di emergenza.

In auto, seduti al volante della Optima Sportswagon si scopre una nuova dimensione di comfort.

I materiali morbidi e di prima qualità comunicano un sobrio senso di raffinatezza. Le poltroncine, regolabili alla perfezione, possono essere riscaldabili e ventilate e il navigatore integrato al Kia Connected Service porta a destinazione con un livello di precisione e agilità senza precedenti, tiene in contatto con il mondo esterno e comunica informazioni utili per il viaggio tramite il Wi-Fi a bordo che connette il sistema a Internet attraverso lo smartphone.

Sotto al display si trova la base di ricarica wireless per i cellulari predisposti e a trasformare l’abitacolo in una sala da musica provvede un sontuoso impianto Harman&Kardon con 10 altoparlanti e amplificatore esterno da 490 Watt.

Si mette in moto e non si sente nessun rumore. E’ il sistema di propulsione ibrido plug-in che assicura la partenza in modalità elettrica. Manifestando solo un leggero fruscio quando le ruote cominciano a girare che costringono a monitorare con la massima attenzione la presenza di pedoni o ciclisti non ancora abituati al silenzio dell’auto elettrica in movimento.

L’Optima Sportswagon ibrida plug-in automatica è spinta da un 2.0 a benzina da 155 cavalli abbinato a un motore elettrico da 68 cavalli. Quando lavorano insieme erogano 205 cavalli.

L’unità elettrica è alimentata da una batteria agli ioni di litio da 11 kWh, che fa il pieno di Watt in circa sette ore collegandosi a una wall box montata in garage, a casa o in ufficio, e assicura una sessantina di km a emissioni zero e dichiara di poter percorrere una settantina di km con un litro di verde.

Il pacchetto Platinum (3.000 euro) offre molti sistemi di sicurezza come l’avviso d’involontario cambio di corsia e la frenata automatica d’emergenza. Oltre all’indispensabile telecamera posteriore.

Una chicca per vivere senza ansia le code è il sistema Smart Cruise Control. Si serve di un sensore radar per mantenere la distanza di sicurezza dalle altre autovetture, modulando automaticamente la velocità fino a frenare se il veicolo davanti si ferma.

Kia Optima Sportswagon 2.0 GDi Phev Automatica costa 45.750 euro. (a.art.) << CONTINUA A LEGGERE >>