Archivi categoria: Carrozzeria Moto

Tuning moto: come elaborare la moto spendendo poco

Come fare il tuning moto? Cosa fare per personalizzare ed elaborare la moto spendendo poco? Scopritelo su PitstopAdvisor.

Varie volte vi abbiamo parlato del tuning auto, oggi invece vogliamo darvi alcuni consigli sul tuning moto. Il tuning consiste nel modificare il proprio mezzo, esteticamente o meccanicamente, in modo da renderlo personalizzato, originale e talvolta più performante. Ricordate che bisogna però attenersi sempre alle normative! Vediamo quindi in questa guida di PitstopAdvisor, come fare il tuning moto spendendo poco, apportando alcune facili modifiche estetiche.

Tuning moto - come elaborare la moto spendendo poco.

Tuning moto: gli adesivi.

Applicare degli adesivi è un metodo molto facile e soprattutto poco costoso, per personalizzare la vostra moto. Potete mettere adesivi di varie forme e colori sulla carena, sui parafanghi, sulle scocche o dove preferite.

E’ possibile anche creare degli adesivi personalizzati con scritte o nomi: basta comprare dei fogli di vinile adesivo, disegnare a mano libera o con la carta copiativa e poi ritagliare le lettere o le figure.

Per i cerchi potete invece applicare delle strisce adesive catarifrangenti oppure è possibile colorarli con una vernice spray lucida o opaca.

Tuning moto: la carrozzeria.

Potete fare wrapping alla vostra moto riverniciandola del colore che preferite o applicando delle pellicole, per contenere i costi potete wrappare solo alcune parti. Anche la fibra di carbonio è molto bella da utilizzare.

Tuning moto: la carena.

Potete cambiare il colore della carena ad esempio. Per fare questo è sufficiente procurarsi la vernice che più si preferisce e procedere con il colorarla. Se avete dimestichezza con il disegno, per essere più precisi potete anche usare l’aerografo.

Tuning moto: le luci.

Potete sbizzarrirvi anche con le luci, sostituendo ad esempio le frecce di direzione con altre aftermarket, ma ricordate sempre di rispettare le normative per non incorrere in sanzioni.

Tuning moto: il casco.

Non potete dimenticarvi di personalizzare anche il casco con la vernice o la pellicola che preferite oppure applicando adesivi o scritte personalizzate.

Con questi semplici consigli sarete riusciti a fare tuning alla vostra moto spendendo poco, ma se preferite potete anche rivolgervi ad una buona officina o carrozzeria, specializzata in tuning.

Potete trovarla qui, su PitstopAdvisor.com!

Infine ricordate sempre di informarvi bene sulle normative prima di apportare delle modifiche sulla vostra moto.

Richiedi il miglior preventivo ad un’officina tuning:

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesta)

Il tuo comune di residenza (richiesto)

Il CAP del tuo comune di residenza (richiesto)

La targa del tuo veicolo (può esser utile all'officina)

Il tuo numero di telefono (può esser utile all'officina)

Il tuo messaggio [scrivi il motivo del tuo contatto e, per rispondere correttamente alla tua richiesta dandoti informazioni e costi pertinenti, libretto di circolazione alla mano, fornisci le informazioni sul tuo veicolo fondamentali per stilare un preventivo - marca e modello (voce D.3), numero di telaio (voce E), anno di immatricolazione (voce I), cilindrata (voce P.1), kw (voce P.2), alimentazione (voce P.3), numero di identificazione del motore (voce P.5), km percorsi (questo dato lo trovi sul tachimetro del tuo veicolo) << esempio: cambio pastiglie freni Fiat 500, anno 2011, telaio ZCP41xxxx, 1.3 multijet diesel 16V 75cv, codice motore AR323xx, 55kw, 16.000km percorsi]

Qui puoi allegare delle foto (ad esempio per lavori di carrozzeria, le foto sono utili per fare una stima della spesa necessaria per la riparazione)

Ai sensi e per gli effetti degli artt. 7, 13 e 15 Reg. UE 2016/679, dichiaro di aver preso visione dell’informativa sulla privacy per il trattamento dei dati personali per la specifica finalita':

Lavaggio moto e scooter fai da te: come lavare bene la moto da soli?

Come fare un perfetto lavaggio della moto? Come lavare bene la moto o scooter da solo senza fare danni? Ecco i consigli di PitstopAdvisor! 

La tua amata moto necessita di un bel lavaggio? Come lavare la moto o lo scooter da solo senza fare alcun danno? PitstopAdvisor oggi ti darà dei consigli per lavare la tua moto fai da te. Innanzitutto va detto che sarebbe opportuno lavare la moto o lo scooter con una certa frequenza, per evitare che le macchie si consolidino e, ancor di più, se hai l’abitudine di non tenere la moto al coperto; gli agenti atmosferici infatti, non solo sporcano la carrozzeria della tua moto, ma col tempo possono anche rovinare la vernice. Vediamo quindi come effettuare un perfetto lavaggio della moto.

Lavaggio moto e scooter fai da te- come lavare bene la moto da soli

Per lavare la tua moto fai da te, dovrai procurarti:

  • Tubo in gomma (canna da giardino)
  • Acqua
  • Secchio
  • Shampoo specifico per moto
  • Spugna
  • Stracci
  • Pennello
  • Nastro adesivo
  • Nastro isolante per contatti elettrici
  • Panno di daino
  • Una spazzola morbida o un guanto di lana
  • Cera
  • Spray lavamotore

Fatto ciò, ora puoi procedere con il lavaggio della tua moto. Ecco come si fa:

1) Posiziona la moto su un superficie piana sufficientemente spaziosa e metti il cavalletto centrale.

2) Inizia a proteggere tutte le parti della moto che potrebbero essere danneggiate dagli spruzzi d’acqua ovvero: fari anteriori e fari posteriori, indicatori di posizione laterali, fasce in nylon o gomma, serratura della sella e della chiave di accensione, alloggiamento dell’antifurto immobilizer, prese d’aria e impianto di scarico. Fai molta attenzione: per evitare un cortocircuito, proteggi molto bene, con del nastro di gomma specifico, i comandi elettrici posti sul manubrio!

3) Fatto questo, puoi procedere con il lavaggio. Prendi quindi il tubo d’acqua e, facendo attenzione a non dirigerlo sul carburatore, candela e porta fusibile, bagna tutta la moto in modo da eliminare la polvere. Attenzione: non usare un getto d’acqua troppo violento!

4) Prendi un secchio con dell’acqua tiepida e versagli dentro lo shampoo specifico per moto.

5) Prendi ora una spazzola morbida o un guanto di lana, immergilo nel secchio e passarlo accuratamente su ogni punto della moto senza strofinare eccessivamente.

6) Ripeti l’operazione di lavaggio se necessario. Nota bene: le macchie di catrame si tolgono con olio di oliva e quelle di resina con alcool, qualora vi fossero, non dimenticare poi di rilavare con lo shampoo e risciacquare.

7) Pulisci anche i freni, le macchie del forcellone, i parafanghi e i cerchioni (se vuoi, aiutati con un pennello). Per un’accurata pulizia dei cerchioni, vai al precedente articolo di PitstopAdvisor.

8) Non dimenticare di pulire anche la catena, ecco come si fa: http://www.pitstopadvisor.com/news/catena-moto-pulizia-manutenzione-e-come-ingrassarla/

9) Risciacqua bene con il tubo d’acqua.

10) Il lavaggio è terminato, passiamo ora all’asciugatura, passaggio non meno importante. Prendi il panno di daino e asciuga bene la moto, con particolare attenzione alle parti verniciate e a quelle cromate.

11) Se vuoi, è consigliabile stendere anche un po’ di cera in modo da proteggere la vernice della carrozzeria e, per rimuovere grasso e sporco dall’apparato meccanico, utilizza anche un apposito spray lavamotore.

Ed ecco fatto, ora la tua moto sarĂ  come nuova!

Salta in sella e facci subito un giro, in questo modo anche i componenti piĂą nascosti della tua moto si asciugheranno ancor meglio!


Richiedi il miglior preventivo:

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesta)

Il tuo comune di residenza (richiesto)

Il CAP del tuo comune di residenza (richiesto)

La targa del tuo veicolo (può esser utile all'officina)

Il tuo numero di telefono (può esser utile all'officina)

Il tuo messaggio [scrivi il motivo del tuo contatto e, per rispondere correttamente alla tua richiesta dandoti informazioni e costi pertinenti, libretto di circolazione alla mano, fornisci le informazioni sul tuo veicolo fondamentali per stilare un preventivo - marca e modello (voce D.3), numero di telaio (voce E), anno di immatricolazione (voce I), cilindrata (voce P.1), kw (voce P.2), alimentazione (voce P.3), numero di identificazione del motore (voce P.5), km percorsi (questo dato lo trovi sul tachimetro del tuo veicolo) << esempio: cambio pastiglie freni Fiat 500, anno 2011, telaio ZCP41xxxx, 1.3 multijet diesel 16V 75cv, codice motore AR323xx, 55kw, 16.000km percorsi]

Qui puoi allegare delle foto (ad esempio per lavori di carrozzeria, le foto sono utili per fare una stima della spesa necessaria per la riparazione)

Ai sensi e per gli effetti degli artt. 7, 13 e 15 Reg. UE 2016/679, dichiaro di aver preso visione dell’informativa sulla privacy per il trattamento dei dati personali per la specifica finalita':

Lucidare cromature della moto: come pulirle e lucidarle?

Come pulire e lucidare le cromature della moto? Quali prodotti bisogna utilizzare per pulire le cromature e quali invece per lucidare le cromature della moto? Ecco i consigli di PitstopAdvisor. 

PitstopAdvisor ti parlerà oggi della lucidatura delle cromature della tua moto. Come si fa a pulire e a lucidare le cromature della moto? Quali prodotti utilizzare? Per un fattore estetico e per preservare la carrozzeria nel tempo, è importante pulire la moto ogni volta che si sporca e infine procedere con una bella lucidatura delle cromature, utilizzando però i prodotti giusti. Vediamo quindi come pulire e lucidare le cromature della moto da solo.

Lucidare cromature della moto- come pulirle e lucidarle

Attenzione: se non sei “pratico” o non possiedi una buona manualità, rivolgiti alla tua officina o carrozzeria di fiducia (se cerchi un’officina moto o una carrozzeria, la trovi su PitstopAdvisor.com!)

Iniziamo subito.

Per lucidare le cromature della moto puoi procedere in due modi differenti: puoi utilizzare della pasta abrasiva o un prodotto specifico (solitamente in crema) da applicare alle cromature della tua moto.

Ecco cosa ti serve per lucidare la tua moto:

  • Panni asciutti e puliti
  • Panno di daino
  • Crema per lucidare le cromature o pasta abrasiva e ovatta
  • Svitol e paglietta
  • Cera

Una volta che ti sarai procurato tutto l’occorrente presso un negozio specializzato o se preferisci sul web o presso la tua officina di fiducia, ecco come devi procedere per lucidare la tua moto:

1) Prendi il panno di daino e inumidiscilo.

2) Quindi passalo su tutte le parti cromate.

3) Prendi un panno asciutto e asciuga le parti cromate.

A questo punto puoi procedere in due modi differenti.

1° Metodo:

4) Prendi un po’ di ovatta e cospargila di pasta abrasiva.

5) Strofina sulle cromature.

6) Elimina i residui utilizzando un panno pulito.

Oppure

2° Metodo:

4) Prendi la crema per lucidare le cromature e applicala sulle superfici interessate.

5) Attendi il tempo necessario indicato sulla confezione.

6) Prendi un panno asciutto e morbido.

7) Strofina il panno sulle parti interessate fino ad ottenere la lucidatura desiderata.

Una volta lucidate le cromature con la pasta abrasiva o con la crema, puoi passare alla cera.

8) Accertati che non ci sia della ruggine sulla tua moto e in tal caso, se presente, puoi provare ad eliminarla utilizzando lo Svitol e una paglietta per pulire le stoviglie.

9) Fatto ciò, puoi applicare la cera per proteggere la cromatura della tua moto dagli agenti atmosferici.

Ed ecco fatto, la tua moto e le cromature della tua moto ora sembreranno come nuove!


Richiedi il miglior preventivo:

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesta)

Il tuo comune di residenza (richiesto)

Il CAP del tuo comune di residenza (richiesto)

La targa del tuo veicolo (può esser utile all'officina)

Il tuo numero di telefono (può esser utile all'officina)

Il tuo messaggio [scrivi il motivo del tuo contatto e, per rispondere correttamente alla tua richiesta dandoti informazioni e costi pertinenti, libretto di circolazione alla mano, fornisci le informazioni sul tuo veicolo fondamentali per stilare un preventivo - marca e modello (voce D.3), numero di telaio (voce E), anno di immatricolazione (voce I), cilindrata (voce P.1), kw (voce P.2), alimentazione (voce P.3), numero di identificazione del motore (voce P.5), km percorsi (questo dato lo trovi sul tachimetro del tuo veicolo) << esempio: cambio pastiglie freni Fiat 500, anno 2011, telaio ZCP41xxxx, 1.3 multijet diesel 16V 75cv, codice motore AR323xx, 55kw, 16.000km percorsi]

Qui puoi allegare delle foto (ad esempio per lavori di carrozzeria, le foto sono utili per fare una stima della spesa necessaria per la riparazione)

Ai sensi e per gli effetti degli artt. 7, 13 e 15 Reg. UE 2016/679, dichiaro di aver preso visione dell’informativa sulla privacy per il trattamento dei dati personali per la specifica finalita':