Archivi categoria: Sicurezza Moto

Giacca da moto: quale scegliere? Consigli per l’acquisto

Quale giacca da moto scegliere? Quali aspetti è importante considerare prima di comprare un giubbotto da moto? Scopri alcuni utili consigli su PitstopAdvisor

Quale giacca da moto comprare? I centauri più esperti sanno bene come scegliere la giacca migliore per le proprie esigenze, ma per chi si appresta ad acquistare la prima moto, la scelta dell’abbigliamento da abbinare non è affatto facile. La sicurezza sulle due ruote è importantissima ed avere una giacca sicura e resistente è fondamentale per evitare di subire danni scivolando o cadendo. 

Scegliere la giacca da moto giusta non è facile e spesso ci si lascia ingannare dal design e dai colori senza soffermarsi sugli aspetti più importanti di questo capo di abbigliamento… << CONTINUA A LEGGERE >>

Giacca da moto: quale scegliere? Consigli per l’acquisto

Incidenti stradali in Italia: le regioni più pericolose per moto, motorini e bici

Quali sono le regioni più pericolose per moto, motorini e bici? Dove avvengono più incidenti stradali in Italia? Scoprilo su PitstopAdvisor.

Dove avvengono più incidenti stradali in Italia? Quali sono le regioni più pericolose per moto, motorini e bici? I dati che seguono emergono da un’indagine Istat 2016 e sono stati rielaborati da DAS, compagnia di Generali Italia. Vediamo quindi subito qui, su PistopAdvisor, quali sono le regioni più pericolose d’Italia per bici, moto (di media e grossa cilindrata), motorini e motocarri. 

Incidenti stradali in Italia: le regioni più pericolose per moto, motorini e bici

Dove avvengono più incidenti stradali in Italia?

“Negli ultimi anni – ha dichiarato Roberto Grasso, amministratore e direttore generale di DAS – sono cambiate le abitudini e le esigenze di mobilità delle persone e di conseguenza anche i rischi connessi. Purtroppo non sempre gli incidenti sono collegati alla guida di veicoli di proprietà. Spesso ci si può trovare coinvolti in spiacevoli eventi anche con auto a noleggio, utilizzando il car sharing, procedendo a piedi, in bicicletta, in moto o sui mezzi pubblici. Se si viaggia all’estero – continua Grasso – i rischi si moltiplicano, le normative e le sanzioni previste in caso di violazioni sono diverse in ogni Paese e subentrano inoltre problemi legati alla lingua straniera.”

Classifica degli incidenti stradali in Italia: ecco quali sono le regioni più pericolose per moto, motorini e bici.

Il dato sulla pericolosità delle strade è stato rilevato dal rapporto tra incidenti stradali ed abitanti.

La maggior incidenza di sinistri in bicicletta è in Emilia, seguono il Veneto e il Trentino Alto Adige.

La regione italiana con più incidenti in moto (con moto di media e grossa cilindrata) è la Liguria. Segue il Lazio e infine la Toscana.

La Toscana passa però alla prima posizione per il maggior numero di incidenti con motocarri. In seconda posizione troviamo la Puglia e in terza la Liguria.

DAS tiene a precisare anche la situazione dei ‘cinquantini’, con cui è meglio tenere gli occhi ben aperti in particolare in Toscana, Liguria e Marche.

Le regione invece con meno sinistri in bici per abitanti è il Molise, seguito dalla Calabria e dalla Basilicata.

Per le moto di media e grossa cilindrata le regioni più sicure sono il Molise al primo posto, la Basilicata al secondo e la Calabria al terzo.

I motocarri invece viaggiano sicuri in Veneto e in Piemonte.

La Calabria è la regione con meno sinistri per abitanti per quanto riguarda i ‘cinquantini’, con 1 incidente per 34.671 abitanti. Segue il Molise e la Basilicata.

Può interessarti anche: Strade più pericolose d’Italia: classifica delle 10 strade con più incidenti

Guida senza casco in moto: crescono le multe e le sanzioni

Durante l’estate di quest’anno sono aumentate le multe per guida senza casco. Scopri di più sulla sicurezza stradale in moto su PitstopAdvisor.

Quest’estate sono aumentate le multe per guida senza casco in moto, ma non solo. I dati rilevati da Viabilità Italia, il centro di coordinamento delle Forze dell’Ordine, Protezione Civile, concessionarie stradali e Ferrovie, hanno preso in considerazione il periodo che va dal 1° luglio al 4 settembre 2017. Il bilancio è stato di 355 incidenti mortali rilevati da Polizia e Carabinieri e le vittime sono state 384. Queste cifre non tengono conto però degli incidenti rilevati dalle polizie locali, quindi il numero dei morti è sicuramente più alto. Le infrazioni rilevate sono state 437.000 e le persone arrestate sono state 257… << CONTINUA A LEGGERE >>

Guida senza casco in moto: crescono le multe e le sanzioni

Bracciale anti autovelox: arriva Woolf, il dispositivo che segnala la presenza di autovelox

Si chiama Woolf ed è il bracciale anti autovelox. Un dispositivo che rileva e segnala la presenza di autovelox, curve pericolose e punti sensibili della strada. Scopri tutti i dettagli su PitstopAdvisor.

Dove sono gli autovelox? Da oggi non è più necessario conoscerne la mappa: è arrivato Woolf, il bracciale anti autovelox. Woolf è un braccialetto tutto Made in Italy che, collegandosi in Bluetooth con lo smartphone di chi è alla guida di un’auto, di una moto o di un altro veicolo, è in grado di segnalare la presenza di autovelox, curve e punti sensibili sulla strada che si sta percorrendo, assicurando così una guida più sicura e senza distrazioni. Ma ecco tutti i dettagli su PitstopAdvisor… << CONTINUA A LEGGERE >>

Bracciale anti autovelox: arriva Woolf, il dispositivo che segnala la presenza di autovelox

Airbag da moto: cos’è e come funziona il giubbotto o gilet con airbag?

Quali sono i migliori giubbotti e gilet per moto con airbag? Meglio quelli a funzionamento meccanico o elettronico? Scopri su PitstopAdvisor cos’è e come funziona l’ airbag da moto.

Cos’è e come funziona l’ airbag da moto? L’airbag per moto in realtà non è un’invenzione recente. Pensa che l’inventore ungherese, Straub Tamás, l’aveva annunciato ufficialmente già nel 1976. Oggi l’airbag da moto è una realtà, difatti che se n’è parlato molto ad EICMA 2016, e la tecnologia sta facendo “passi da gigante”. Gli airbag da moto sono il futuro sul fronte della sicurezza per i motociclisti, tant’è che dal 2018 le tute dei piloti che correranno nel motomondiale ne dovranno essere obbligatoriamente equipaggiate. Il solo limite oggi come oggi? Il prezzo, ancora un po’ troppo elevato. PitstopAdvisor ti spiega come funzionano questi airbag per moto… << CONTINUA A LEGGERE >>

Airbag da moto: cos’è e come funziona il giubbotto o gilet con airbag?

Passeggero in moto: consigli su come andare in moto in due

Come andare in moto in due? Ecco i consigli di PitstopAdvisor sulla posizione e il comportamento ideale di un passeggero in moto.

Come stare sulla moto dietro? Prima andare in moto in due è bene sapere come fare, come comportarsi, come salire e come scendere correttamente. Prima che il passeggero salga in moto, dovete irrigidire la sospensione posteriore, abbassare il fascio luminoso dei fanali e aumentare la pressione della gomma posteriore. Questa infatti di solito va adeguata di 0,1 bar per ogni 20 kg di carico supplementare, in base al peso dei bagagli, della moto e di chi vi è sopra. Una volta fatto ciò, sarete pronti a far salire il passeggero in moto. Vediamo quindi i consigli di PitstopAdvisor su come stare correttamente sulla moto dietro… << CONTINUA A LEGGERE >>

Passeggero in moto - consigli su come andare in moto in due.

Gite in moto: idee e consigli per l’abbigliamento ideale

Come vestirsi per delle gite in moto? Ecco le idee e i consigli di PitstopAdvisor per capire qual è l’abbigliamento più adatto per andare in moto d'estate.

L’estate è arrivata e sicuramente avrai in programma di organizzare tantissime gite in moto, ma come vestirsi per stare comodi ed essere sicuri? In questa guida di PitstopAdvisor ti diremo qual è l’abbigliamento più adatto per delle gite in moto… << CONTINUA A LEGGERE >>

Gite in moto - idee e consigli per l’abbigliamento ideale

Furto moto, motorino, scooter: cosa fare e statistiche

Cosa fare in caso di furto moto, motorino o scooter? Scoprite i consigli di PitstopAdvisor e leggete le statistiche delle moto più rubate in Italia.

Cosa fare in caso di furto moto, motorino o scooter? In Italia il numero di furti di moto e motorini è allarmante: pensate che ogni giorno ne spariscono 151, vale a dire 6 ogni ora, per un totale di 55.312 furti nel 2014, fra motocicli e scooter. Sul podio delle regioni più a rischio furto troviamo il Lazio, la Campania, la Lombardia e la Sicilia e in particolare le città più a rischio sono Roma, Napoli, Milano, Palermo e Genova (queste 5 città da sole valgono il 51% dei furti moto e scooter italiani). Ma cosa fare in caso di furto moto, motorino o scooter? Come comportarsi e dove fare denuncia? Scopritelo su PitstopAdvisor.

Furto moto, motorino, scooter- cosa fare e statistiche.

Partiamo innanzitutto da alcune curiosità, elencandovi i modelli di moto e motorini più rubati in assoluto in Italia, considerando che in media ne viene ritrovato solo uno su tre.

(I dati si riferiscono all’anno 2014).

Motorini più rubati in Italia:

  1. Honda SH – 9.832 furti
  2. Aprilia Scarabeo – 4.651 furti
  3. Piaggio Liberty – 3.870 furti
  4. Vespa – 3.799 furti
  5. Yamaha T-Max – 1.423 furti
  6. Piaggio Beverly – 1.385 furti
  7. Piaggio Ape – 801 furti
  8. Kymco People – 783 furti
  9. Yamaha Majesty – 744 furti
  10. MBK Booster – 682 furti

Moto più rubate in Italia:

  1. Honda CBR-RR (600-1000-125) – 1.772 furti
  2. Yamaha YZF (R1-R6) – 1.522 furti
  3. Suxuki GSX-R (600-750-1000): 1.091 furti
  4. Honda Hornet: 989 furti
  5. Kawasaki Z 750 – 948 furti
  6. Ducati Monster – 803 furti
  7. BMW R 1200GS – 750 furti
  8. Kawasaki Ninja (ZX-10r e ZX-6r) – 722 furti
  9. Yamaha XT – 657 furti
  10. Triumph Speed Triple – 653 furti

Furto moto, motorino, scooter- cosa fare e statistiche 2

Cosa fare in caso di furto moto, motorino o scooter?

Ecco tutti i passaggi:

  • Appurato che si tratti realmente di furto moto (e non di una rimozione forzata ad esempio), andate dai carabinieri a fare denuncia, fornendo agli agenti tutte le informazioni necessarie.
  • Andate al PRA e sospendete la tassa sul bollo, dichiarando la “Perdita di possesso”.
  • Contattate la vostra assicurazione, se avete precedentemente stipulato un’assicurazione contro il furto, potrete recuperare parte del valore della moto fornendo tutta la documentazione necessaria.
  • Se la moto venisse ritrovata entro quaranta giorni, dovrete recarvi nuovamente al PRA e dichiarare che siete tornati in possesso del vostro mezzo.

Ricordate sempre che prevenire è meglio che curare: installate un buon antifurto per moto prima che sia troppo tardi! 😉

Guida con pioggia: come guidare la moto o lo scooter se piove?

Come guidare la moto sul bagnato? Quali consigli seguire per guidare la moto in sicurezza in caso di pioggia? Ecco tutti i suggerimenti di PitstopAdvisor.

Per passione o per esigenza, c’è chi non si ferma proprio davanti a nulla pur di guidare la propria moto in ogni condizione. Se sei fra quelli che usano la moto anche in caso di pioggia o se sei partito con il bel tempo ma una volta uscito dall’ufficio sei stato sorpreso da un acquazzone, leggi questa guida di PitstopAdvisor, ti insegnerà come guidare in tutta sicurezza sul bagnato, in caso di pioggia.

Guida con pioggia - come guidare la moto o lo scooter se piove

Innanzitutto, guarda le previsioni meteo e se è prevista pioggia, non dimenticare di indossare l’abbigliamento antipioggia (tuta o giacca e pantaloni) fondamentale per proteggerti dall’acqua e ricordarti di mettere l’anti fog all’interno del tuo casco per evitare che la visiera si appanni (lo trovi presso i negozi specializzati in accessori per moto).

Veniamo ora ai consigli su come guidare la moto in caso di pioggia:

1) Mantieni la calma! Che si tratti di due gocce o di un temporale fortissimo, è fondamentale stare tranquilli per non perdere la lucidità.

2) Vai piano! In caso di pioggia va necessariamente diminuita drasticamente la velocità, così facendo eviterai che la tua moto perda aderenza.

3) Se non hai messo l’anti fog, per evitare l’appannamento e mantenere una buona visibilità, apri leggermente la visiera del casco.

4) Occhio all’asfalto! Evita di guidare sulle strisce tinteggiate, righe continue o strisce pedonali perché, anche se oggi viene usata una vernice speciale, queste rimangono la causa di tante cadute, così come sono da evitare le macchie oleose o il fogliame che puoi trovare per terra. Fai attenzione anche alle rotaie e ai pavè e tieni a mente che l’asfalto drenante (ovvero quello che ti dà maggiore aderenza) è quello più opaco, mentre quello più scivoloso è lucido.

5) Guida delicatamente! Rallenta in anticipo e in maniera graduale, e accelera sempre gradualmente.

6) Fai attenzione alle rotonde o in curva! In prossimità di curve o di rotonde scegli una traiettoria morbida, evita di fare manovre brusche e di premere troppo il freno (se la tua moto è dotata di ABS tanto meglio, ti darà ulteriore sicurezza!).

7) Ricorda inoltre di controllare frequentemente le gomme della tua moto: se hanno ancora degli intagli profondi, riusciranno a drenare meglio l’acqua e a garantirti più aderenza.

Non dimenticare: viaggia sempre con prudenza!