Limiti di velocità e classificazione delle strade in Italia

Quali sono i limiti di velocità in Italia? Qual è la velocità massima consentita in autostrada? Su PitstopAdvisor tutti i limiti di velocità e la classificazione delle strade.

Come vengono classificate le strade in Italia? Oggi PitstopAdvisor ti aiuta a ripassare quello che dovresti già aver studiato a Scuola Guida, ossia la classificazione delle strade italiane (tipi di strade) e i relativi limiti di velocità 🙂 . Le strade solitamente vengono identificate tramite nomi e numeri specifici. Essere consapevole dei limiti di velocità ti può evitare di incorrere in sanzioni e soprattutto ti consente di guidare in sicurezza.

Limiti di velocità e classificazione delle strade in Italia.

Tipi di strade e limiti di velocità.

Autostrada.

Questo tipo di strada a scorrimento veloce rappresenta il modo più rapido per raggiungere la propria meta in auto.

Le autostrade in Italia si identificano tramite specifici codici (A1 – A14 – A4 – A7 etc.) e quasi tutte sono a pedaggio.

Per quanto riguarda i limiti di velocità in autostrada, il limite massimo in Italia è generalmente di 130 km/h. In caso di condizioni metereologiche particolarmente sfavorevoli (pioggia ad esempio) il limite di 130 km/h si abbassa però a 110 km/h. In caso di nebbia (con visibilità minore di 100 metri e presenza del segnale di limite di velocità massimo accanto al segnale classico) la velocità scende ulteriormente a 50 km/h.

Limiti di velocità e classificazione delle strade in Italia 2

Attenzione: è sempre bene fare attenzione alla segnaletica che indica i limiti di velocità a seconda di eventuali problemi o lavori in corso sul tratto di autostrada che si sta percorrendo.

Limite di velocità in autostrada a 150 km/h: vero o falso?

Riportiamo qui di seguito la notizia presa dal sito web PoliziadiStato.it:

“…È vero che l’art. 142 del codice della strada in tema di limiti di velocità, ha previsto la facoltà per gli enti proprietari o concessionari di autostrade di elevare il limite fino a 150 km/h nei tratti a tre corsie sulla base delle caratteristiche progettuali del tracciato, previa installazione dei segnali che indicano i nuovi limiti, purché lo consentano l’intensità del traffico, le condizioni atmosferiche prevalenti ed i dati di incidentalità dell’ultimo quinquennio. L’eventuale imposizione di tale nuovo limite è reso noto agli utenti della strada con segnaletica verticale”.

Strada extraurbana principale.

Le strade extraurbane principali si riconoscono dai cartelli blu e sono simili alle autostrade in quanto hanno due carreggiate delimitate. Per strade extraurbane principali si intendono le superstrade e le tangenziali.

Qui il limite massimo di velocità è di 110 km/h, con il maltempo il limite scende a 90 km/h e in caso di nebbia(e presenza del segnale di limite velocità massimo accanto al segnale classico) la velocità scende a 50 km/h.

Limiti di velocità e classificazione delle strade in Italia 3

Strada extraurbana secondaria.

Le strade extraurbane secondarie non hanno la separazione tra le carreggiate, tipo le Strade Statali. Qui il limite di velocità è di 90 km/h.

Strade urbane.

Le strade urbane iniziano quando compare il primo segnale rettangolare bianco con scritto il nome della città o del paese. Le strade urbane sono quindi quelle all’interno delle città e dei paesi. Qui Il limite di velocità è di 50 km/h, ma in alcune zone la velocità può essere anche inferiore (ad esempio in prossimità di scuole).

Per i neopatentati invece, per i primi 3 anni, il limite di velocità si abbassa a 100 km/h sulle autostrade e 90 km/h sulle strade extraurbane principali.

Indipendentemente dalla strada che stai percorrendo, ricorda che rispettare i limiti di velocità può salvarti la vita!

Usa sempre il buon senso e guida con prudenza e responsabilità!