Mercedes Classe C, prezzi e caratteristiche: sportiva come non mai

Per decenni, pensare alla berlina media del buon padre di famiglia, con il giusto carico di status symbol, si finiva col pensare a lei, Mercedes Classe C. Bene, si può dire che è storia passata, perché il futuro appartiene alla nuova generazione, pronta al lancio a metà gennaio, sul palcoscenico del Salone di Detroit 2014.

Mercedes-Benz C250, AMG Line, Avantgarde, Diamantsilber metallic

Cosa cambia? Tutto.

Non c’è niente che possa ancorare la nuova Classe C all’idea di berlina compassata, per un pubblico un po’ avanti con l’età. Va, invece, a caccia di nuovi clienti, chiaramente dall’elevata capacità di spesa, ma con gusti più sportivi e dinamici. Così lo stile interpreta il cambiamento generazionale, sfoggiando bei tratti presi in prestito un po’ da Mercedes CLA, come l’integrazione tra fari anteriori e calandra, e un po’ dall’ammiraglia di  casa, Mercedes Classe S – i gruppi ottici posteriori sono il miglior esempio del trasferimento di linee tra i due modelli -.

L’essenza della Classe C 2014 sta proprio nella stretta parentela con la Classe S, anche se a guardare le dimensioni (4 metri e 68 centimetri di lunghezza, 9.5 più della vecchia serie, con ben 8 centimetri concentrati nel passo) sembrerebbe pestarsi i piedi con la CLA, rispetto alla quale è più lunga di 4cm.

Ma è diverso il pedigree: se quest’ultima deriva in toto dalla Classe A, la Classe C porta nel segmento delle berline medie  la tecnologia da ammiraglia. E’ particolarmente chiaro sia guardando la dotazione dei dispositivi di sicurezza attiva e passiva, sia guardando la cura e l’impostazione data agli interni.

Ed è l’abitacolo a lasciare realmente sorpresi. Se il rinnovamento esteriore traccia un modello sportivo ma attento a soddisfare anche il cliente tradizionale Mercedes (l’allestimento Exclusive, ad esempio, è l’unico a proporre una calandra con la stella sul cofano, anziché al centro della griglia), a bordo si respira un’aria radicalmente diversa da ogni altra  Mercedes vista finora. Classe S a parte.

Scegliere la Classe C con il cambio automatico sette marce al posto del manuale 6 rapporti non  è solo questione di praticità, visto che coinvolge anche il layout della plancia. Perfettamente integrata con il tunnel centrale, raccordata con linee pulite ed eleganti, è costretta a diventare un po’ più verticale nel caso si debba far posto alla leva del manuale.

Detto del touchpad davanti al poggiabraccio, attraverso il quale si comanda il touchscreen da 7 o 8.4 pollici, a seconda dell’infotainment prescelto, gli interni svettano per modernità e materiali hi-tech.

Mercedes-Benz C 300 BlueTEC HYBRID, Exclusive Line, Cavansitblau

Tecnologia ampiamente presente tra i dispositivi di sicurezza attiva.

Se l’Attention Assist rileva lo stato di affaticamento del guidatore, il Collision Prevention Assist Plus provvede a frenare autonomamente tra i 7 e i 200 km/h. Inoltre, alle andature cittadine, evita i tamponamenti fino a 40 km/h. C’è di più, perché con l’optional Distronic Plus la nuova Classe C si muove nel traffico, in coda, del tutto autonomamente: nessun intervento su volante e gas, fa tutto da sola fino ai 60 orari, seguendo l’auto che precede.

Anche al comparto sospensioni si repira aria di innovazione: arrivano le sospensioni a controllo continuo Airmatic (optional), in alternativa al tradizionale gruppo molla-ammortizzatore comunque regolarbile nell’assetto.

Sotto al cofano al momento del lancio ci saranno due motori benzina e un diesel. Si parte con la C180, spinta dall’1.6 litri turbo 156 cavalli e 250 Nm di coppia. Raggiunge i 225 km/h e accelera da 0 a 100 in 8″2, mentre le richieste di carburante sono di 5 litri/100 km nel ciclo misto. L’altro motore turbo benzina è quello della C200, un 2 litri da 184 cavalli e 300 Nm: 7″5 in accelerazione e 237 orari di velocità, a fronte di un consumo dichiarato in 5.3 litri/100 km. Il diesel C220 BlueTec è un’unità 2.1 litri da 170 cavalli  e 400 Nm di coppia, in grado di assicurare 234 km/h di velocità e scattare da 0 a 100 in 8″1, richiedendo appena 4 litri/100 km.

Ci sarà anche una versione ibrida della Classe C, sviluppata intorno al diesel 2.1 litri accoppiato a un motore elettrico da 29 cavalli, lo stesso schema adottato dalla Classe E.
L’ampliamento della gamma di motori si avrà con due turbodiesel di origine Renault, entrambi 1.6 litri ma con due livelli di potenza: 115 cavalli (280 Nm) e 136 cavalli (320 Nm). Altro tassello nell’offerta a gasolio sarà quello del 4 cilindri turbo 2.2 litri, in attesa che tra i benzina arrivino un sei cilindri da 333 cavalli e un 4 in linea turbo due litri da 238 cavalli.

I prezzi di nuova Mercedes Classe C partono da 35.664 euro della C180 in allestimento base Executive, fino a toccare i 48.210 euro della C220 BlueTec automatica in veste Premium, allestimento top di gamma. Quando arriverà sul mercato la diesel C180 BlueTec (terzo trimestre 2014) il listino si abbasserà fino a 32.553 euro.

Fabiano Polimeni


FocusMotori.it

Mercedes-Benz C 250 BlueTEC, Avantgarde, Diamantweiss metallic,

Mercedes-Benz C250, AMG Line, Avantgarde, Diamantsilber metallic

Lascia un commento