Archivi tag: stanchezza alla guida

Stanco alla guida? 10 consigli per prevenire la stanchezza in auto

Ti senti stanco alla guida? Scopri i 10 consigli di PitstopAdvisor per prevenire la stanchezza al volante e non mettere a rischio la tua sicurezza in auto.

Ti senti stanco alla guida? Può capitare, soprattutto quando si guida per ore ed ore, o quando si guida in determinati orari, come la notte ad esempio, di sentirsi particolarmente stanchi. Devi sapere però che la stanchezza alla guida è paragonabile allo stato di ebbrezza, perché quando si è particolarmente stanchi non si riesce a valutare correttamente il comportamento di guida. Già 17 ore senza sonno corrispondono a un tasso alcolemico dello 0,5 per mille. Chi si mette alla guida addirittura dopo 24 ore peggiora la sua performance come se avesse un tasso alcolemico di quasi l’1,0 per mille! Pensa inoltre che quasi il 20% dei decessi per incidenti stradali sono da ricondurre alla stanchezza. Scopriamo quindi subito qui, su PitstopAdvisor, alcuni efficaci consigli per prevenire la stanchezza al volante… << CONTINUA A LEGGERE >>

Stanco alla guida? 10 consigli per prevenire la stanchezza in auto

Attenzione alla guida: Wind e lo spot salvavita.

Wind ha ideato uno spot salvavita per gli automobilisti. Su PitstopAdvisor scopriamo   perché è indispensabile prestare sempre la massima attenzione alla guida.

Wind, compagnia telefonica conosciutissima, ha ideato uno spot per gli automobilisti che si distraggono alla guida. L’intento di questo spot è quello di  far prestare agli automobilisti una maggiore attenzione alla guida. Lo spunto è stato dato da quei guidatori che parlano al cellulare mentre sono intenti a guidare.

Attenzione alla guida- Wind e lo spot salvavita.

Lo spot pubblicitario è già online ed ha lo scopo di educare gli automobilisti ad utilizzare nel miglior modo possibile la tecnologia.

Questo spot risulta alquanto comico perché è una parodia che “prende in giro” bonariamente i guidatori e ne evidenzia i comportamenti anomali che spesso adottano.

Un vigile si accosta con la paletta all’auto del guidatore, già preso da mille impegni da portare a termine e, dopo aver controllato patente e libretto, lo multa perché aveva commesso l’infrazione di aver guidato senza aver parlato al cellulare.

Automobilisti indispettiti e presi dal panico rassicurano il vigile della corretta guida mostrando l’auricolare per il cellulare, il cellulare medesimo presente in borsa o ben custodito, ma la multa viene assegnata regolarmente proprio perché il guidatore non parlava al cellulare.

Dopo il nervosismo evidente delle persone multate, il vigile è costretto a leggere il perché della multa e si scopre che l’automobilista viene premiato con 50 euro di traffico telefonico Wind per buona condotta e per essersi avvicinato alle nuove tecnologie, quali gli smartphone, che adesso possono essere connessi all’auto, in maniera adeguata.

Questa campagna pubblicitaria intitolata “La multa” ha l’obiettivo di evidenziare solo il lato positivo che la tecnologia ha, se viene utilizzata nella maniera corretta.

La Wind gioca molto con l’ilarità che suscita lo spot, ma vuole renderci consapevoli dei rischi altissimi che una semplice distrazione può causare: tamponamenti o incidenti anche mortali.

Quindi lo spot suscita sì una risata, ma educa gli automobilisti a stare più attenti alla sicurezza loro e di chi è dall’altra parte della corsia.

…E brava Wind!